Patate gratinate con zucca e caprino

Un incontro morbido, scioglievole e dolcissimo quello tra patate e zucca, tenuto in equilibrio dal gusto intenso del formaggio di capra (o quello affumicato di una scamorza, perché no?). Una crema saporita, custodita da uno scrigno tutto da mordere, da gustare bollente nelle sere più fresche per trovare conforto e riempire il palato.

Il comfort food ha le sue ragioni, che la dieta non conosce.

Vini in abbinamento consigliati dal sommelier:

  • calice-renano-taste14Pecorino Casale Vecchio della cantina Farnese. Il Pecorino è un vitigno autoctono IGT abruzzese. Il nome deriva dalla forma del grappolo molto piccolo, che ricorda una pecorella piena di lana. Dal colore giallo paglierino con riflessi verdognoli è ideale per esaltare le patate
  • Il Cerasuolo d’Abruzzo DOC è un Montepulciano dal profumo intenso, persistente e fruttato. Di media struttura, equilibrato e con buona persistenza, non sovrasta la delicatezza della zucca ed esalta il contrasto con il formaggio di capra.
  • La Falanghina Biologica Sannio DOC è un vino dell’azienda Castello Ducale, si presenta con profumi puliti, netti, che formano un bagaglio olfattivo ben fuso con note vanigliate, fruttate e floreali. In bocca offre la sua tipicità: un corredo di note aromatiche di frutta bianca matura, che ne rafforzano la struttura. Va servito nel calice renano, adatto ai bianchi strutturati.
  • Se non vuoi rinunciare invece ad un accompagnamento corposo, adatto ad esaltare il profumo del formaggio, senza però annullare la dolcezza delle patate gratinate con la zucca, il Barolo Bricat DOCG della Cantina Manzone è il vino dei contrasti. Un nebbiolo raffinato, per chi ama la misura. Parte lento, con timidi sentori di cioccolato amaro e spezie. Poi si apre a note floreali, erbe, viola, rosa appassita, bacche, radici. Infine si scioglie e giunge il calore: ciliegia, lampone maturo, confetture, spezie dolci.
  • (5 /5)
  • (1 Valutazione)

Istruzioni

  • 1. Lava bene le patate strofinando con una spugnetta per rimuovere tutti i residui di terra. Avvolgile una per una nella carta stagnola e cuocile in forno per un’ora a 180°. Sfornale e lasciale intiepidire.
  • 2. Monda la zucca, rimuovi i semi e la scorza e tagliala a pezzi. Cuocila al vapore per 8-10 minuti, lasciala intiepidire e frullala fino ad ottenere una purea.
  • 3. Quando le patate saranno tiepide toglile dalla stagnola, tagliale a metà nel senso della lunghezza e scava l’interno con un cucchiaio o un apposito scavino. Raccogli tutta la polpa rimossa e schiacciala con i rebbi di una forchetta.
  • 4. Taglia a cubetti il formaggio (tienine da parte 8 per la decorazione).
  • 5. In un tegame fai scaldare un filo d’olio con una fetta di cipolla tritata fine e falla appassire. Aggiungi la polpa delle patate e la zucca frullata, un pizzico di sale, uno di noce moscata grattugiata e il formaggio e mescola, cuocendo a fiamma moderata, fino a che il formaggio si sarà sciolto e otterrai un composto omogeneo.
  • 6. Trasferisci il composto nei gusci di patate, aggiungi un cubetto di formaggio per decorare e inforna a 200° per circa 20 minuti e comunque fino a leggera doratura.
  • 7. Sforna e lascia riposare qualche minuto prima di servire.

Condividi

About Chef

Valentina Masullo

Blogger a mezzo servizio. Ha un impiego di copertura, un'anima geek e una moltitudine di passioni creative. Cucina, fotografa e racconta storie di cibo buono, sentimenti e buone sensazioni.

Sito web: