Le Uova nella Dieta

Condividi

L’uovo, un alimento così piccolo e semplice, racchiude in sé la maggior parte degli elementi necessari per una vita sana ed in salute. Apprezzato per il prezioso apporto di nutrienti, è consigliato durante la fase di sviluppo in adolescenza e scelto dagli sportivi per migliorare la performance fisica e aumentare la massa muscolare. Cerchiamo insieme di comprenderne meglio le virtù, ma anche i possibili effetti indesiderati per l’organismo, come inserire le uova nella dieta e soprattutto i miti da sfatare sulle uova.

Miti da sfatare sul consumo delle uova

Uova al tegamino - Taste14
Partiamo proprio da quest’ultimi. Una delle cose che si dice sulle uova è che contribuiscano ad aumentare i livelli di colesterolo. In realtà, gli elevati livelli di lecitina presenti nel tuorlo, contribuiscono ad aumentare i livelli di colesterolo buono nel sangue, ad azione protettiva. Inoltre le lecitine fanno abbassare la pressione per una ulteriore prevenzione del rischio cardiovascolare.
Un altro mito da sfatare è quello che l’uovo non debba essere consumato da chi ha problemi di fegato. In realtà la colina e la metionina, due amminoacidi in esso contenuti, aiutano il fegato a “depurarsi”. Ma allora, chi non può consumare le uova?

Quando è sconsigliato l’uso delle uova

Le uova non possono essere consumate da chi soffre di calcolosi biliare. Le contrazioni a carico della colecisti, che ha al suo interno cristalli di bile, i calcoli, provocano le coliche.
Altre persone cui sconsiglio di consumare le uova sono quelle che presentano un sistema immunitario indebolito da patologie o cicli di chemioterapia. In questi soggetti potrebbero verificarsi infezioni indesiderate. Infine anche per i bambini occorre attenzione nel consumo di uova, per via del fatto che possono essere causa di allergie.

Come e quante uova mangiare

Proprietà nutrizionali delle uova - Taste14Chi invece può assumere le uova sono i bambini in fase di sviluppo, gli anziani. Le uova infatti sono importanti per:

  • la memoria
  • la funzionalità del fegato
  • la formazione di ossa e muscoli
  • contrastare un calo di ferro
  • prevenire i calcoli biliari
  • e anche come sostegno per chi è a dieta

Ma quante uova possiamo mangiare in una settimana? In genere possiamo assumere una media di tre uova a settimana.
Quali le accortezze per un consumo senza senza spiacevoli inconvenienti? Prestare molta attenzione all’igiene. Le uova infatti possono essere veicolo di salmonelle. In genere questo inconveniente è tipico di uova ottenute in allevamenti intensivi, con condizioni igieniche scarse. Per questo ne è consigliata sempre la cottura.

Tutto sommato però, possiamo dire che le uova rappresentano un alimento sano e completo di tutti gli amminoacidi essenziali, l’importante è che sia consumato fresco, quando cioè tutti i componenti sono attivi per il nostro organismo. Esiste un trucco semplice per capire se un uovo è fresco: basta immergerlo in acqua. Se non resta a galla è fresco, perfetto per una frittata. E per chi è in salute e maggiorenne, per accompagnare i tuoi piatti a base di uova con un bicchiere di vino fatti suggerire un abbinamento dal nostro sommelier dell’enoteca online Wines of Memory, guarda la sezione Abbinamento Cibo-Vino di Taste14, nella colonna di destra scegli “Piatti a base di uova e buon appetito!

Condividi

, , , , ,

Comments are closed.