Come combattere la ritenzione idrica con il cibo

Condividi

Uno dei pensieri che affligge maggiormente le donne è quello legato all’accumulo di liquidi nell’organismo. La ritenzione idrica è caratterizzata da un accumulo di liquidi negli spazi tra una cellula e l’altra ed è causa di un gonfiore in alcuni punti del corpo come addome, cosce, glutei e caviglie. Il 30% della popolazione italiane ne è affetto e afflitto, soprattutto donne, e all’origine del problema vi possono essere disfunzioni cardiache o renali, infiammazioni e reazioni allergiche.
Spesso però il principale responsabile della ritenzione idrica, la cellulite,  è uno stile di vita scorretto, che va modificato. Insieme ai liquidi in eccesso ristagnano le tossine che alterano ulteriormente un metabolismo cellulare già compromesso a causa del ridotto apporto di ossigeno e nutrienti. Per sapere se nel nostro organismo si ha un accumulo di liquidi in eccesso è sufficiente fare un esame delle urine oppure, più semplicemente, tenere premuto il dito sulla gamba e se dopo averlo tolto rimane a lungo l’impronta del dito, vuol dire che in quella parte del corpo c’è un eccesso di liquidi.

Peperoni contro la ritenzione idrica - Taste14

La dieta anticellulite

Come intervenire per ridurre la ritenzione idrica? Bere molta acqua è il miglior modo per purificare l’organismo dalle tossine. A questo va sicuramente associata un’alimentazione adeguata alle tue specifiche esigenze e che sia a basso contenuto di sale, ricca di frutta e verdura di stagione, in modo da migliorare la circolazione venosa e linfatica, infine sostituire pane e pasta con cereali integrali e legumi per aumentare la motilità intestinale e quindi l’allontanamento delle tossine. Tra i frutti, quelli maggiormente consigliati sono quelli aciduli, ricchi di vitamina C, come gli agrumi, i kiwi, l’ananas, le fragole.

Alimenti contro la ritenzione idrica - Taste14

Tra le verdure combattono la cellulite soprattutto la lattuga, il radicchio, ma anche spinaci, broccoli, cavoli, cavolfiori, pomodori e peperoni.
Consulta la guida alla stagionalità degli alimenti per scegliere frutta e verdura di stagione.
Un giorno alla settimana è consigliata un’alimentazione ricca di liquidi con tè e tisane. In questo stesso giorno al posto della carne è preferibile scegliere il pesce, ed andranno aboliti i grassi, ma non quelli di origine vegetale, come nel caso dell’olio di oliva.

Molto importante in questo periodo è fare dello sport soprattutto per favorire la circolazione e quindi il ricambio di nutrienti nelle cellule e, di conseguenza l’eliminazione delle scorie.
All’inizio questo nuovo modo di alimentarsi, particolarmente ricco di acqua, favorirà la diuresi, che andrà man mano normalizzandosi.

 

 

Dove puoi trovarlo

Localizza nome Categoria

Condividi

, , , ,

Comments are closed.