Gli Integratori Alimentari

Condividi

Per chi esercita un’intensa attività fisica e quindi perde molti liquidi diventa necessario integrare vitamine e sali minerali. Per questo si ricorre agli integratori alimentari. Ma grazie alle prime visite conoscitive con i pazienti ho potuto notare che sono tante le persone che, pur non praticando alcun tipo di sport, fanno spesso uso di questi prodotti. Il periodo dell’anno in cui se ne consumano maggiormente è l’estate, con il caldo si suda molto di più. Mi sono accorto che le persone sono confuse riguardo l’assunzione di integratori, d’altronde le informazioni che ne hanno vengono spesso dalle stesse réclame che li pubblicizzano. In commercio ne esistono infatti tantissime tipologie.  Ed oltre agli integratori veri e propri, in pasticche o compresse, sono apparsi molti prodotti alimentari “arricchiti”. In alcuni casi però sotto il nome di integratore si commercializzano veri e propri farmaci. Dobbiamo preoccuparci? Chi può far uso di queste sostanze e chi invece deve stare attento?

Integratori Alimentari - Taste14

Integratori, vitamine e sali minerali

In realtà fin quando si tratta di vitamine e sali minerali non ci sono grossi problemi. Se hai una sensazione di spossatezza, come capita nei caldi giorni d’estate, o anche dopo che hai fatto un’intensa attività fisica, un’integrazione aiuta a recuperare le energie e quindi a sentirsi meglio. Se però l’uso diventa indiscriminato ed incontrollato può portare a complicanze anche serie. Secondo alcuni studiosi gli integratori potrebbero addirittura favorire la formazione di tumori; questo quanto riportato in un articolo del Journal of the National Cancer Institute, 2012. Allora come comportarci? In realtà, il problema sorge per quegli integratori che nascondono i principi attivi dei farmaci. Con il termine integratore non ci si riferisce ad un farmaco, perciò non necessita di prescrizione medica. Questo vuol dire che chiunque può assumerlo quando e quanto lo ritiene più opportuno. Questa libertà può diventare dannosa quando alcune sostanze interferiscono con i farmaci che stai assumendo. In alcuni casi l’effetto del farmaco viene potenziato, oppure annullato. Ovviamente nessuna delle due reazioni aiuta il soggetto. Un potenziamento può avere una reazione simile a quella di uno shock anafilattico, con esiti anche mortali. Quando invece l’azione del farmaco viene annullata, l’effetto curativo svanisce.

Gli alimenti arricchiti

Alimenti Arricchiti - Taste 14

Gli alimenti arricchiti hanno invece un effetto mirato e preciso, senza particolari sorprese. L’integrazione avviene solo per quella classe di vitamine di cui si è carenti. Un esempio può essere quello delle donne in gravidanza, alle quali è consigliata un’integrazione con acido folico, per la prevenzione della spina bifida del nascituro. L’acido folico è consigliato anche per chi presenta elevati livelli di omocisteina, un amminoacido che indica rischio cardiovascolare, ma anche per chi ha una forma di anemia macrocitica, che significa che i globuli rossi hanno dimensioni più grandi della norma.

In questi esempi ho parlato di casi in cui viene migliorato in modo specifico e selettivo il benessere, con un’attenzione particolare alla prevenzione. In genere il consiglio che ti do è di recarti dallo specialista che saprà come è opportuno integrare la tua alimentazione e quale prodotto scegliere.

 

 

Condividi

, , , ,

Ancora nessun commento.

Lascia un commento