Centrifugati o Frullati?

Condividi

Il campo della nutrizione è sempre più ricco di novità, sempre interessanti. Tra queste una delle ultime riguarda l’attenzione per la distinzione delle centrifugati dai frullati. Ricordi quanto era attenta tua madre a farti crescere in salute? Quante volte, di pomeriggio, per merenda, ti preparava frullati con frutta e latte? E in effetti frutta e latte sono un ottimo connubio per una colazione sana e ricca di nutrienti. Oggi però si hanno più notizie rispetto a quei tempi sulla perdita delle proprietà dovuta all’azione meccanica degli strumenti per preparare i frullati. E così adesso sappiamo che, quando eri piccolo, molti dei nutrienti preziosi che cercavi di assimilare, svanivano.

Centrifugati e Frullati - Taste14

L’eccessiva velocità di rotazione delle lame, infatti, crea dei vortici nei quali l’aria entra in contatto con i succhi ossidando i principi nutritivi, che quindi non hanno più alcun effetto sul nostro organismo. Un altro fattore che contribuisce all’alterazione degli elementi è il surriscaldamento del motore. Per questo motivo oggi in commercio i frullatori sono stati spodestati dagli estrattori, apparentemente molto simili, in realtà molto diversi. E la differenza tra estrattori e frullatori si vede. Trascurando per il momento la qualità dei due prodotti, anche da un punto di vista visivo frullati e centrifugati appaiono diversi. Un frullato conserva, oltre ai succhi, anche le fibre. Con gli estrattori, il prodotto ottenuto consiste in un succo, che non presenta fibre. Tutto qui? No, la differenza più importante consiste nella modalità di funzionamento delle due macchine. A differenza di una centrifuga meccanica, un estrattore lavora ad un basso numero di giri, circa 40/70 giri al minuto.

Centrifugati o frullati: quale scegliere?

Frutta, frullati e centrifugati

Un numero minore di giri al minuto fa in modo che non si creino quei vortici che mischiano l’aria ai succhi, causando ossidazione, un processo che altera la qualità dei nutrienti. Inoltre la bassa velocità dei motori non genera surriscaldamento. Ma allora qual è la scelta da fare? Per come ne stiamo parlando sembra che bere un frullato non abbia senso, mentre invece è un ottimo modo per saziarsi con gusto e in maniera sana. Quali sono invece i vantaggi di un centrifugato? Bere un centrifugato vuol dire avere a diposizione vitamine e sali minerali facilmente assimilabili, perchè private di quella componente di fibre che ne rallenta l’assorbimento. Ma proprio per il fatto di essere così facilmente assimilabili è opportuna un’assunzione controllata. Chi deve trattenersi dalla mania di centrifugare? Sicuramente i diabetici sono persone che devono controllare l’assunzione di queste bevande. Gli zuccheri presenti tendono a far alzare velocemente la produzione di insulina, ormone prodotto dal pancreas con la funzione di sequestrare gli zuccheri in eccesso presenti nel sangue. Questo meccanismo porta infatti, già dopo poco tempo, ad una sensazione di fame. Per risolvere questo piccolo problema e quindi gustarsi con il dovuto piacere un buon centrifugato, consiglio sempre abbinamenti con frutta e verdura, potete torvare diversi buoni esempi in questo post di Valentina, oppure ispirarvi ai succhi in commercio, mischiando ad esempio arancia, limone e carota – il famoso succo ACE.  Questo evita un elevato livello di zucchero nel sangue.

Hai sperimentato già qualche centrifugato? Qual è il tuo abbiamento preferito?

 

Condividi

, , , , , ,

Comments are closed.