Da 0 a 3: l’Alimentazione del Bebè

Condividi

Nutrirsi è la prima azione istintiva, la prima che siamo portati a fare sin dai primi momenti di vita. L’alimentazione del bebè: tutto comincia con l’allattamento. Un gesto che sottolinea un legame profondo tra genitore e figlio. Il latte materno è infatti l’alimento sempre e comunque consigliato per un bebè. Il latte materno deve il suo alto valore nutrizionale al colostro: il fluido prodotto dalla ghiandola mammaria nei primi giorni dopo il parto. Ricco di proteine, Sali minerali, vitamine, contiene anticorpi, agenti di prevenzione delle infezioni, agenti antinfiammatori, fattori di crescita, enzimi e ormoni, che favoriscono la crescita e lo sviluppo in altezza. Ecco spiegata l’importanza dell’allattamento al seno, per ragioni fisiologiche, ma anche psicologiche ed emozionali. Questa forma di nutrizione, fondamentale soprattutto nei primi momenti di vita, può proseguire anche fino ai due anni.

L'alimentazione del bebè - Taste14

Tuttavia, i cambiamenti dello stile di vita e la disponibilità di prodotti preparati dalle industrie – comunque sicuri come per il latte artificiale – rendono possibile la scelta di sopperire al latte materno con il consumo di latte artificiale, purché facendo attenzione ad osservare attentamente le norme igieniche. Si pensa che i bambini nutriti con latte artificiale non abbiano le stesse difese di quelli nutriti con latte materno, per questo necessitano di particolari attenzioni e cure. Attenzioni e cure da riservare sempre ad un bambino.

A quando la prima pappa?

Il passaggio dal latte alle prime pappe avviene intorno al 5°-6° mese. È un processo che avviene in modo graduale che può durare settimane, ma anche mesi. Si passa così agli alimenti integrativi, importanti per la masticazione e lo sviluppo del linguaggio: cereali mischiati con il latte, pappine a base di frutta e verdura ed omogeneizzati di carne.

Solo verso il 12° mese si introducono pesce, alimenti a base di uovo, latte e latticini. Sono sconsigliati prima di tale età perché contengono dei potenziali allergeni per i bambini.

A partire dal 2° – 3° anno di vita si completa l’avvio verso un’alimentazione varia e completa. Proprio durante questi anni è importante educare il bambino a preferire frutta, verdura ed alimenti salutari cercando di scoraggiare comportamenti che possono confluire in stati patologici.

L'Alimentazione nei primi anni di vita - Taste14
Il periodo di crescita, per le peculiari esigenze nutrizionali, rappresenta una fase particolare, con caratteristiche diverse dall’età adulta. In questo periodo, infatti, l’alimentazione deve apportare il materiale energetico e costruttivo necessario per il sostegno dell’organismo e il suo accrescimento.

Il bambino educato ad alimentarsi in modo variato ed equilibrato potrà mantenere da adulto questa buona abitudine, a tutto vantaggio del suo stato di salute.

Condividi

,

Comments are closed.