Langhe Bianco Rosserto DOC - Manzone

Prezzo di Listino:

Prezzo speciale: 11,09 € iva incl.

Consegna in 7 giorni

id: 855
Anno del vino:  2010
Classificazione:  DOC
Area di produzione:  Castelletto, Monforte d'Alba, Langhe
Gradazione alcolica:  14
Regione:  Piemonte
Colore del vino:  
Bianco
Dimensione bottiglia:  0.75
Coltura:  Tradizionale

Panoramica rapida

Vino Bianco DOC Rosserto Langhe, della cantina Manzone. Un vino bianco piementose intrigante.

Leggi tutto

Scorza d'arancio e cedro, fiori di acacia, ginestra e fresca nota balsamica. Sapore pieno, morbido, ricordo di melone giallo e pesca. Finale di grande persistenza.
Abbinamento ideale: carni bianche, crostacei e pesci della grande cucina. Molto interessante con i formaggi.

  • Tecnica di produzione: Fermentazione in fusti di 500 L per 10 giorni
  • Temperatura di servizio: 8-10
  • Bicchiere Ideale: Tulipano
  • Produzione num Bottiglie: 2500
  • Raccolta: prima decade di Ottobre
  • Caratterizzazioni tipiche: Intrigante. Scorza d'arancio e cedro, fiori di acacia, ginestra e fresca nota balsamica. Pieno, morbido, piacevole ricordo di melone giallo e pesca. Finale di grande persistenza.
  • Esame visivo: giallo paglierino di grande tonalità carica e dorata
  • Invecchiamento: In fusti da 500L matura sui lieviti per 12 mesi. Inbottigliamento 16 mesi dopo la vendemmia
  • Conservazione bottiglie: verticale
  • Tipo di tappo: Sughero
  • Tipo di bottiglia: Bordolese
  • Corpo del vino: Leggero, fresco, giovane, poco alcolico
  • :

Scrivi il tuo commento

Langhe Bianco Rosserto DOC - Manzone

Langhe Bianco Rosserto DOC - Manzone

Vino Bianco DOC Rosserto Langhe, della cantina Manzone. Un vino bianco piementose intrigante.

Scrivi il tuo commento

  • Manzone Giovanni

    Giovanni Manzone si trova a Monforte d'Alba, Piemonte e vinifica solo uve di proprietà. Tutta la produzione è focalizzata sull'alta qualità e limitata a circa 50.000 bottiglie all'anno. La buona altitudine (400-450 m.s.l.m.), l'estrema pendenza delle vigne e il fantastico terroir favoriscono una bassa produzione naturale di uva; nascono così vini che sono accessibili anche da giovani, ma che restano tra i più concentrati e longevi della zona del Barolo.